05/07/18

Sono i palmi a darmi pace e le ali

occhi verdi e azzurri,

scrivi sopra i muri

ricordi del passaggio temuto vano

i nomi sono tanti

furono di qualcun’altro,

le mani ancora sorgeranno sopra i fiori,

con fili d’erba ad aspettare primavera,

come guance di ragazza la prima sera,

sbocceranno nuovi cuori con istinti passionali.

Scivola dalla montagna la memoria

destino maledetto con le pulsioni frana

ora crescono dall’alto come gli alberi sul prato,

i sempre verdi hanno ingannato un po’ la morte,

furono i boschi a frenare i monti dal tumulto

e giù le foglie riscaldavano già le figlie,

basta trovare il canto e tutto si fa lento.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s