12-14/05/18

Ammaliante si propaga il profumo del glicine

pietra rinfrescata da finissime dita

flutti scolpiscono come attenti scalpelli

filamenti del mare sono mani fra i capelli.

Nei riflessi d’un abitudine son vicino a quel che l’abita,

sudore, un brivido, il tuffo nudo, immersione,

due polipi catturati con l’inganno annunciano la salita,

su verso lunghe rampe al cielo poi adagio

il volo del piccolo biondo trionfa con spada sul demonio.

Sullo specchio il sole tramonta, è il lungo tappeto

che invita al cammino ma all’indomani scompare,

rinasce la pioggia e un profumo di-vino.

Ciclamini viola, campanule blu,

bianche margherite, fiordalisi rosa,

campanacci son di capre lente al pascolo la cena

contadini origliatori sbucano dal fitto come funghi a luna piena,

l’erba vien tagliata, si cura il giardino,

l’aria del pino e polveri di polline

confinano un vento che è gioco per la rondine.

Se queste immagini sincere non son nel porto

nessuna nave verrà attraccata, mai riposeranno le vele.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s