10/05/18

Coglie tenera la vicina accoglienza,

desta il pensiero risvegliando

come da un sogno che lascia il sorriso,

gentile come il fitto del bosco

e colma di quel contatto sottile,

da tanta grazia s’accende in splendore.

Se mai questo idilliaco calore rimasto

immutato venisse a mancare

non piu’ cieli azzurri daranno riposo.

Lontani dal turismo di massa, le movenze

d’un popolo antico che da sempre abbraccia il mare

s’intravedono in piccoli vicoli di pietra calpestata

ed intensi sguardi di anziani sul balcone,

anche se l’estetica va ora a ribellarsi

sempre si torna all’essenza, entrando,

mangiando in vecchie trattorie,

bevendo un bichiere di sincero vino rosso,

chiacchierando con chi vive per le strade.

Viene scolpita cosi’ una comunita’ forte che si sa ascoltare,

sicura, pericolosa e vivace che non lascia

e mai vagare senza in mano un lume

che talvolta viene spento e tace.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s