01/08/17

DSCF1643.JPG

Occhi di campo
parlan profondi
profili di monti
guardano assorti

bacio dal lampo
riposa nel calmo
sospir che d'un tempo
siede l'anziano ora stanco

simili voci si fecero note
all'attento osservante
chiesero spente
si nascosero quiete

tutto ancor si sente
capace a chi di spirito affranto
ombreggiar col suo manto
il gran bruciar del campo

Tempo che muta, chi abita la casa morente?
chi ricorda la presenza ora assente?
Piccoli abitanti, lor non se ne vanno
continuano vita dove noi vediamo danno.

Interno a me questo e' di conforto
provo come soavi carezze d'ignoto
fin qua sconosciute ma ora capite;
piu' vivo che mai il ritorno appare qui mite.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s